Rispondendo alla chiamata internazionalista a unirsi alla resistenza contro il governo golpista di Poroshenko, numerosi volontari provenienti da tutta Europa sono arrivati nel Donbass in difesa della Nuova Russia. Tra loro ci sono anche diversi dalla Castiglia e Catalogna, che passati per il Battaglione Vostok hanno deciso di unirsi alla Brigata Prizrak, agli ordini del carismatico comandante Alexey Mozgovoy. I giovani antifascisti hanno aderito all’Unità 404, una unità di ideologia comunista all’interno della Brigata Prizrak, dove svolgono le attività con altri giovani rivoluzionari.

Abbiamo parlato con Sergio, Hector, Miguel, Oriol e per conoscere la loro nuova vita nella 404 e le funzioni svolte all’interno della resistenza popolare della Nuova Russia.

I: In primo luogo, quando e perché hai deciso di venire nel Donbass per combattere contro il governo di Poroshenko?

Siamo tutti d’accordo nel sottolineare il massacro di Odessa come detonante per il quale siamo venuti qui a combattere. Oltre a questo, ci sono anche molte altre ragioni: per contribuire alla creazione di uno stato socialista in Europa, assistere e proteggere la popolazione civile dagli attacchi di Kiev. Questa è una lotta contro il fascismo e noi siamo in debito con le Brigate internazionali venute in Spagna nel 36 per combattere il colpo di stato.

I: Non deve essere facile abbandonare una vita normale, gli amici, la famiglia, eccetera, per andare a combattere una guerra in cui si può morire. Vale la pena lottare per la Novorossiya?

Siamo pienamente consapevoli dei rischi della nostra decisione di venire qui a combattere, e quello che abbiamo lasciato in Spagna, ma la causa merita. Noi siamo qui per combattere il fascismo. E’ la prima volta in molti anni che esiste la reale possibilità di contribuire alla costruzione di uno stato socialista in Europa. Come comunisti non potevamo perdere questa occasione storica.

I: Voi vi definite comunisti. Che cosa significa per voi lottare per la Novorossiya? Quali sono i vostri obiettivi politici e militari?

Il nostro obiettivo militare primario è quello di non fermarci fino a liberare il futuro Stato della Novorossiya dalla feccia fascista. Loro hanno provocato questa guerra. In termini di obiettivi politici, il nostro compito principale è quello di contribuire alla costruzione del socialismo, e essere parte attiva delle forze rivoluzionarie e comuniste e delle unità militari rivoluzionarie che combattono qui. La bandiera rossa tornerà a sventolare in Europa.

I: Come in Kurdistan o nella resistenza palestinese, nel Donbass c’è una resistenza popolare e politicamente eterogenea, ma è da notare che il leader della milizia è Vitaly Viktorovich, un noto comunista. Qual è la presenza reale e il peso dei comunisti nella resistenza popolare?

La presenza dei comunisti nella resistenza popolare è molto importante. Ci sono due unità complete di ideologia comunista; uno nel battaglione Vostok e un altro qui nella Brigata Prizrak. Nelle altre unità ci sono comunisti. C’è grande nostalgia per l’Unione Sovietica tra i volontari che combattono nella milizia. Dal crollo dell’URSS tutto è andato peggio e le persone ne sono consapevoli. Non sapremo dire quanti comunisti ci sono nella resistenza però è l’ideologia egemone all’interno delle milizie popolari.

I: Dopo aver attraversato le altre unità e battaglioni siete appena sbarcati nell’Unità 404 della Brigata Prizrak. Perché questo cambiamento? Dimmi un po ‘della tua nuova vita in questa unità.

La vita in questa unità è simile a quella delle altre: disciplina militare, stessi turni per andare al fronte. Quello che certamente cambia è la gerarchia. Qui tutto è egualitario, senza comandanti. Vi è la figura del commissario politico incaricato di controllare la disciplina e il morale dei soldati. Ci sono anche due leader; uno che si occupa di addestramento militare quando siamo in caserma e un altro ha il compito di guidare i compagni che si trovano sul fronte.

Il motivo principale per il cambio dell’unità è stata la diversità ideologica, anche se è da notare che i nostri comandanti militari erano sempre comunisti. Queste differenze ci hanno fatto sentire non del tutto comodi. Ora però siamo pienamente soddisfatti di noi stessi e con i nostri nuovi compagni qui in questa unità, la 404.

I: Pur essendo gli ultra-nazionalisti una minoranza insignificante nella resistenza, alcuni settori della “sinistra” hanno usato loro come una scusa per giustificare i crimini di Kiev e della NATO contro i civili. Sono arrivati ad accusare persino voi di essere nazisti. Non solo voi, ma tutta la resistenza…

La Sinistra che giustifica l’uccisione di civili per mano dei fascisti dovrebbe ripensare la sua ideologia. Alcuni ci hanno chiamato nazisti, ci siamo fatti tante risate, noi che siamo morenitos e meticci (risata). Le persone che sono qui sono le uniche che possono parlare con cognizione di causa, il resto è speculazione a oltre 3.000 chilometri. E voglio mettere in chiaro (Sergio) io sono più rosso del sangue che scorre nelle mie vene. Questo nessuno lo và a cambiare, nessuna revisione esterna la può cambiare.

I: A vostro parere quali sono le caratteristiche principali della lotta per la Novorossiya: lotta di classe, la lotta contro il fascismo, lotta nazionale?

La lotta in Novorossiya è la lotta contro il fascismo, contro l’oligarchia ed è anche una lotta nazionale. E’ contro i fascisti di Kiev e contro l’oligarchia che ha licenziato l’Ucraina post-sovietica. In più è anche una lotta nazionale, perché le persone difendono la loro cultura, la lingua e il proprio popolo.

I: Parliamo della guerra. Come è la vita sul fronte? Che cosa passa nella testa quando si combatte?

La vita qui è dura; Si patisce il freddo, la fame e la sofferenza per la stanchezza, ma tutto è in background quando pensi che stai facendo la cosa giusta.

Sul fronte ti passano mille cose per la testa; C’è un sacco di adrenalina e, a volte hai paura di morire. A volte ti chiedi perché sei qui.

I: Fino ad ora quali compiti militari avete svolto e quali erano i vostri doveri sul fronte?

Per motivi di sicurezza non possiamo rispondere a questa domanda, ma possiamo dire che la nostra unità è dedicata alle missioni di infiltrazione, attacchi alla retroguardia e altre operazioni speciali.

I: Siete volontari che combattono sotto la bandiera della Novorossiya. Avete la prova della presenza di mercenari occidentali che combattono per Kiev?

Sì, noi siamo volontari che lottano per la propria idea, non per il denaro. Inoltre, siamo consapevoli della presenza di mercenari che combattono per Kiev, supportati e finanziati dalla NATO e dall’Unione Europea. Questi ultimi sono colpevoli di ciò sta accadendo in Ucraina.

I: Come pensi che terminerà questa guerra ?

Vinceremo! La volontà del popolo è inarrestabile.

Intervista di Ibai Trebiño, pubblicata su Slavyangrad